La doppiezza

La doppiezza, questo aggettivo anomalo, a indicare un uguale, un doppio. Ma anche un falso.
Niente è microscopicamente uguale a qualcos’altro nella creazione che io sappia.
Tutto, ciascuna cosa è unica.
Quello che peró una persona percepisce come doppio è catalogato nel suo immaginario come “uguale a”, soprannominato, apostrofato, ecc.

Solo una cospicua parte di persone riesce peró ad andare oltre la percezione sensoriale.
Pochi riescono a godere, gustare, a provare il lusso di prendersi il proprio silenzio e a entrarci dentro trovando un nuovo tempo per inventare un proprio modo, una propria parola gravida di strade aperte.
Un grande clown un giorno mi parlava della sua religione di prendersi ogni giorno un ora tutta per se, smettendo tutto. È il suo modo di essere doppio e unico, nella semplicità.

About The Author

Comments

Leave A Comment

Clicca mi piace anche tu!!!