Santi giocattoli clown

I giocattoli del mestiere.

Gli attrezzi del clown, cosidetti props, di cui abbiamo già detto altrove in questo blog, sono vere e proprie estensioni corporee del sacerdote della risata, per questo possono venir coniderati utensili sacri, intoccabili.
Lo ripeto: il clown usa e stra-usa solo determinati oggetti che assomigliano a giocattoli ma che sono tutt’altro: sono sacrosanti, hanno relazione con la divinità e le istituzioni comprendendole a 360 gradi fino a strafottersene!
Non possono essere prestati, respirano insieme al comico e acquisiscono le stesse cellule per osmosi.
Come non potevano essere toccati gli utensili del sacerdote nel Santissimo del Tempio, allo stesso modo non possono esserlo questi oggetti misteriosi. E qui la parola “non” la dice lunga sulla conoscenza negata perché lontana dall’esperienza della strada che solo un curdo può condividere.

Non è per fare l’integralista ma i miei oggetti clown, quei pochi che porto sempre addosso, sudano, danzano e parlano con e di me, dunque io te li posso spiegare ma non te li presto: li poseresti tra strati di polvere prima ancora di cambiarti le mutande.

Ricordo quando me ne parlava Carlo Colombaioni di questi props.
Carlo, grande Clown di tradizione secolare venuto a mancare di recente. Mi parlava di quando lui e i suoi fratelli (clown anch’essi) perdevano questi utensili durante gli spettacoli. Venivano puniti in qualche modo. Per esempio potevano saltare qualche spettacolo o chiamati a far lavori pesanti…

Altro aspetto da non dimenticare è che il primo vero sacro giocattolo siamo noi, e giocare, insieme al far ridere, è una cosa seria. Qualcosa che ha le sue regole come per esempio può averle un qualsiasi gioco da tavolo.
Ma sono regole che non s’imparano. Te le devi costruire dentro con grande amore sensibile. Il tutto come nella missione del mito, che attraversa le più alte montagne, mari, problemi e impossibilita di ogni genere che alla fine ti fanno dire che i limiti non devono essere limitanti e che il diverso, anche quello che fa più paura, può essere seppellito con una risata…

About The Author

Leave A Comment

Clicca mi piace anche tu!!!